Trasformare una colonna in un elemento decorativo

Trasformare una colonna in un elemento decorativo

Prima di iniziare i lavori di ristrutturazione in casa è necessario avere un progetto ben definito, realizzato da un professionista. Solo in questo modo si potrà avere la certezza su una serie di parametri, quali, in particolare, i tempi necessari per la ristrutturazione e i costi. Quando si parla di case da ristrutturare si parla sempre di elementi differenti tra di loro, non solo per dimensioni e distribuzione degli spazi, ma soprattutto per le necessità di quanti, in quella casa, dovranno poi abitare.

Per ristrutturare casa con stile è necessario saper sfruttare al meglio gli spazi, ma anche le eventuali difficoltà strutturali come, ad esempio, la presenza di una o più colonne. Nonostante non si tratti di situazioni molto comuni, in alcuni casi si può verificare che buttando giù un muro per ampliare, ad esempio, la zona living, resti scoperta la colonna o il pilastro di un muro portante. Questo elemento, che per qualcuno potrebbe essere considerato un vero e proprio problema estetico, per molti altri, invece, garantisce la possibilità di creare strutture moderne e innovative, ossia di conferire un tocco di design moderno all’interno di un appartamento.

Prevedere una colonna come parte integrante dell’arredamento, ossia come elemento funzionale e non solo estetico, garantisce un abbattimento dei costi di ristrutturazione casa, visto che questo elemento, forte ed essenziale, può offrire una serie di interessanti spunti per essere utilizzato in modi differenti.

Trasformare-una-colonna-in-un-elemento-decorativo-2La scelta su come integrare la colonna o il pilastro con i diversi complementi d’arredo è legata non solo alle dimensioni e alla forma, ma anche e soprattutto al suo posizionamento all’interno della stanza. Quando, ad esempio, ci si trova con una colonna centrale, può essere utile scegliere quel particolare ambiente per ricreare una zona studio, una libreria o un piccolo salottino sfruttando la colonna come elemento centrale intorno al quale si poggiano piccole poltroncine sulle quali potersi sedere per leggere o per chiacchierare.

Se durante la ristrutturazione edilizia ci si trova davanti alla presenza di un pilastro al centro di una stanza, proprio come nel caso della colonna non ci si deve preoccupare e si deve puntare a valorizzare quell’elemento sia dal punto di vista estetico che funzionale. Per questo motivo, può essere molto interessante sfruttare un pilastro come elemento laterale per la realizzazione di una libreria, sia a giorno che protetta da teche.

Naturalmente, starà alla fantasia e all’immaginazione dell’architetto o dell’interior designer poter definire al meglio il tipo di utilizzo del pilastro, cercando di sfruttarlo quanto meglio come elemento funzionale all’arredamento stesso. E d’altro canto, non potendo smontarlo né spostarlo, l’unica soluzione è quella di ristrutturare casa tenendo conto della presenza di questi elementi e strutture portanti e utilizzarle come ulteriore elemento d’arredo.

Quando una colonna si trova al centro di una stanza, cercare di nasconderla può ottenere un effetto disastroso: per questo motivo, al contrario, andrebbe messa in evidenza, scegliendo colori in contrasto con l’ambiente circostante (in caso di arredamento moderno) oppure tono su tono quando l’appartamento è realizzato in stile classico o country.

Scopri come trasformare una colonna in un elemento decorativo di design

Una colonna semplice può diventare parte integrante dell’arredamento grazie a stucchi e colori che possono realizzare elementi sempre particolari, in stile con l’ambiente nel quale la colonna si trova. Interessanti idee sono quelle che vedono la colonna centrale trasformata in vero e proprio elemento architettonico da mettere in bella mostra, magari inserendolo all’interndo di una teca in maniera da renderlo, allo stesso tempo, interessante per gli ospiti e decorativo per la casa.

Bisogna fare molta attenzione quando si sceglie di adibire una camera con colonna ad uso cameretta: in questo caso, infatti, se da un lato la colonna può anche diventare un divertente elemento di gioco, potrebbe rappresentare un rischio per i bimbi che, cercando di arrampicarvisi, potrebbero scivolare o cadere facendosi male. Per questo motivo, qualora per esigenze tecniche si dovesse fare questo tipo di scelta, diventa necessario ricreare anche un contesto sicuro, sfruttando sì la colonna come gioco, ma realizzando sistemi di protezione che garantiscano la massima sicurezza ai bambini.

Trasformare-una-colonna-in-un-elemento-decorativo-3Quando, invece, ci si trova in presenza di un pilastro, questo può essere sfruttato al meglio per realizzare delle postazioni studio che, girando intorno al pilastro stesso, assicurano a due o più fratellini la possibilità di studiare insieme senza tuttavia poter facilmente parlare tra di loro.

Probabilmente la ristrutturazione di interni che porta allo scoperto un pilastro permette di offrire un numero di soluzioni di arredamento maggiori rispetto a quelle di una semplice colonna. Un pilastro, infatti, indipendentemente dalle dimensioni, offre più interessanti spunti per realizzare arredi che integrino il pilastro stesso al loro interno. Sfruttare un pilastro come elemento estetico può portare a risultati differenti a seconda che esso sia libero, oppure solo sporgente da una parete.

Nel primo caso, inoltre, la sua posizione, sia essa centrale o laterale, può fornire differenti possibilità e soluzioni d’arredo. In una camera da letto, ad esempio, esso può essere utilizzato come elemento per l’affissione di specchi, scelta non solo esteticamente interessante, ma anche molto funzionale, visto che permette di realizzare un effetto di ingrandimento della camera e, allo stesso tempo, assicura una maggiore luminosità alla camera stessa.

Quando ci si trova nel pieno di una ristrutturazione di appartamento, è importante non solo valutare la posizione del pilastro alla fine dei lavori ma, soprattutto, la possibilità di realizzare un arredamento realizzato su misura proprio per sfruttare o valorizzare questo particolare elemento architettonico. Proprio pensando alla valorizzazione, i migliori architetti e interior designer sanno che le idee non devono solo puntare a sfruttare al meglio quello che già esiste, ma devono anche saper creare elementi nuovi per mettere maggiormente in evidenza eventuali strutture pre-esistenti.

Nel caso di un pilastro, si può prevedere di realizzare una serie di pilastri in schiera, in grado di garantire un particolare effetto ottico e, soprattutto, in grado da assicurare la massima funzionalità a questi elementi che non possono essere solo estetici ma devono saper essere caratterizzati anche da un utilizzo pratico.

In una zona living moderna, una colonna o un pilastro possono essere utilizzati per realizzare una cucina all’americana, ossia per creare un piano d’appoggio che giri intorno alla struttura per assicurare la massima comodità per un pasto veloce, sia esso uno spuntino pomeridiano o una rapida colazione.

Quando, invece, ci si trova a ristrutturare case antiche, la presenza di una colonna o di un pilastro può rappresentare un maggiore problema. Se da un lato, infatti, in un contesto classico questi due tipi di strutture non permettono una completa integrazione, dal punto di vista funzionale essi rappresentano degli interessanti elementi separatori. Si può quindi immaginare una colonna che divide un salotto dal sapore antico in due parti, una da dedicare a rito del the e allo scambio di qualche chiacchiera seduti sulle poltroncine, l’altro da usare per i giochi al tavolo o per un eventuale biliardo.

Per realizzare elementi decorativi con pilastri in case antiche si può pensare a creare degli stucchi in grado di trasformare una colonna in un vero e proprio elemento architettonico dall’estetica perfetta. Quando i pilastri sono solo sporgenti, ma non si staccano liberi dal muro, si può pensare di metterli in evidenza scegliendo mobili speculari ai due lati del pilastro stesso.

Si può quindi realizzare una libreria che continui da un lato e dall’altro del pilastro, oppure sistemare due sedute uguali, una a destra e una a sinistra del pilastro, in modo da assicurare il giusto equilibrio ed eleganza a questo elemento strutturale. Infine, va sottolineato che quando si tratta di appartamenti antichi, l’uso di drappi, tende e tessuti aiuta a realizzare ulteriori decorazioni che possono sfruttare anche la stessa colonna o il pilastro come elementi separatori tra colorazioni differenti o diverse fantasie.

Naturalmente, prima di procedere a qualsiasi tipo di lavoro, l’architetto o l’interior designer saranno in grado di offrire dei moduli preventivi che permetteranno di illustrare, per ogni tipo di lavoro e per ogni intervento, la relativa voce di spesa e le modalità di utilizzo della colonna o del pilastro come elementi decorativi all’interno di una specifica stanza.

Trasformare una colonna in un elemento decorativo ultima modifica: 2017-03-06T09:47:42+00:00 da Ristrutturazione