Il periodo migliore per ristrutturare

Il periodo migliore per ristrutturare

La bella stagione: aria di ristrutturazione

Per chi ha appena acquistato un appartamento che necessita di una ristrutturazione oppure per coloro che abitano da molti anni in un immobile e vorrebbero rinnovare i locali, il periodo migliore per ristrutturare casa è proprio quello della bella stagione. Nessun momento dell’anno è più indicato delle stagioni come la primavera e l’estate in cui le temperature sono calde e solitamente non piove. Ristrutturare è un’attività complicata ma di certo può essere facilitata dalla possibilità di lavorare all’aperto, se si dispone di un giardino, un cortile o un semplice terrazzo, grazie al clima particolarmente favorevole. Anche se gli interventi sono limitati ad una porzione interna dell’edificio, avere accesso all’esterno è un fattore da tenere in considerazione perché, certamente, i lavori ne guadagneranno in rapidità e comodità d’esecuzione.

Scegli il periodo migliore per ristrutturare seguendo i nostri utili consigli

I vantaggi nell’eseguire i lavori di primavera in casa proprio in questo periodo sono notevoli e vanno sfruttati il più possibile per rendere piacevole quest’esperienza spesso causa di turbamenti e di stress. Innanzitutto la bella stagione significa buon umore in particolare per i proprietari che possono trarre dalle giornate limpide tutte le energie necessarie per progredire con gli interventi edilizi, da una semplice imbiancatura ad un importante lavoro di demolizione. Iniziare la ristrutturazione in modo attivo e vivace di certo favorirà la diminuzione dei tempi di attesa anticipando sempre più il termine delle operazioni. Va poi considerata la comodità nel poter accedere agli spazi esterni senza temperature rigide o piogge che rallenterebbero i progressi costringendo gli operai a lavorare dentro le mura della casa. Con il bel tempo, invece, è possibile disporre i materiali in giardino senza dover portare tutta l’attrezzatura all’interno. Si pensi solamente ad una betoniera per mescolare il calcestruzzo o la malta, è decisamente più conveniente prepararli all’esterno piuttosto che dentro l’abitazione. O se si vuole ridipingere le pareti e bisogna spostare il mobilio, è molto utile poter disporre l’arredamento dove non risulti d’ingombro durante l’asciugatura della vernice.

Quali mesi sono da evitare per la ristrutturazione

il-periodo-migliore-per-ristrutturare-2Esistono poi alcuni periodi che sarebbe meglio evitare se si vuole procedere ad una ristrutturazione della propria casa per non rischiare di veder prolungata la durata degli interventi a causa di fattori esterni. Assolutamente da escludere il mese di agosto che, sebbene sia il periodo ideale per sistemare casa poiché probabilmente si è in ferie, è anche il periodo di chiusura dei negozi e delle imprese, tra cui quelle edili. Quindi, fintantoché non sono previste piccole operazioni che non necessitano di personale, si può iniziare la ristrutturazione con le ferie lavorative, altrimenti sarà necessario attendere settembre. Altrettanto poco raccomandabili sono i mesi tardo autunnali come ottobre e novembre fino al mese di febbraio o marzo. In queste due stagioni spesso le imprese non lavorano per la rigidità delle temperature e per il mal tempo, per questo motivo è bene programmare solamente certe operazioni che possano essere eseguite all’interno della casa senza però disturbare la vita delle persone che vi abitano.

Piccoli e grandi interventi in base alle esigenze

Quando si parla di ristrutturazione vengono intese diverse tipologie di interventi che hanno un’entità altrettanto differente. La stuccatura delle crepe di una parete è, ovviamente, un’operazione non paragonabile con la sostituzione degli infissi data la mole di lavoro necessario. Ristrutturare casa non significa per forza rimettere a nuovo un’intera porzione dell’abitazione, ma rappresenta anche tutti quei piccoli interventi che vengono lasciati in disparte finché non si decide di rinfrescare gli ambienti aggiustando qualsiasi danno o problema. Un aiuto in questo settore può essere dato dal nostro personale che è in grado efficacemente di assistere il proprietario nella ristrutturazione sia di piccole operazioni come la sostituzione di un rubinetto, sia di grandi operazioni come la ricostruzione di una parete in muratura o in cartongesso. Un team di persone che operano nell’ottica della soddisfazione del cliente aiutandolo nella realizzazione delle sue richieste e dei suoi desideri.

Attenzione prima di tutto alla burocrazia

Esiste una regolamentazione apposita presente in ogni Comune di residenza che disciplina le modalità e le tempistiche per eseguire determinati lavori che necessitano di denuncia. Ovviamente la burocrazia può spaventare ma facendosi consigliare dai tecnici messi a disposizione dall’azienda non si verificherà alcun problema legato ai permessi edilizi. Tutta la procedura viene svolta dal personale tuttavia è possibile eseguirla autonomamente recandosi presso l’Ufficio Tecnico del proprio ente comunale dove un dipendente incaricato fornisce tutte le informazioni necessarie in base alla tipologia di intervento che si vuole eseguire. Ci sono infatti diverse pratiche che si differenziano in base all’entità della ristrutturazione, grazie al decreto legge Madia sono state in parte semplificate per facilitare la conoscenza da parte dei cittadini. Ma non c’è da preoccuparsi: il tecnico e l’architetto che seguiranno il progetto per ristrutturare l’immobile forniscono anche le indicazioni corrette su quale autorizzazione richiedere.

Immaginare il risultato finale

Per arrivare preparati al periodo migliore per ristrutturare casa in modo da iniziare i lavori senza perdere tempo, bisogna avere bene in mente cosa si voglia realizzare sull’immobile e quali interventi debbano essere fatti. Anche le più semplici operazioni svolte senza una pianificazione a monte possono risultare insoddisfacenti e, di conseguenza, una perdita di denaro. Immaginando, invece, il risultato finale e in quali punti si voglia intervenire, di certo il raggiungimento dell’obiettivo sarà assicurato. Per facilitare ciò, lo staff dell’azienda offre al cliente un rendering virtuale in 3D, ovvero la possibilità di scoprire la differenza tra l’aspetto dell’immobile prima e dopo i lavori. Un servizio da tenere in considerazione che potrà aiutare nell’immaginazione della propria casa in seguito alla ristrutturazione.

L’assistenza del personale specializzato

La differenza tra una ristrutturazione ben riuscita ed una mediocre non è data solamente dalla scelta del periodo migliore ma anche dalle capacità del personale specializzato di fornire tutte le indicazioni per ristrutturare, dal progetto alla scelta dei materiali. Uno staff attento ed esperto in ogni campo della ristrutturazione è il segreto per un intervento che assicuri la soddisfazione del cliente e la minor spesa possibile.

Il progetto

Prima di iniziare i lavori in primavera per la ristrutturazione dell’abitazione è molto utile sfruttare i mesi invernali per pensare a quali interventi realizzare e come effettivamente ristrutturare l’immobile per assecondare i propri desideri e la loro fattibilità. Grazie all’architetto compreso nel prezzo che viene offerto da alcune aziende è possibile seguire passo dopo passo gli sviluppi interagendo per effettuare delle modifiche o delle correzioni lungo la fase di progettazione. Il vantaggio di questo servizio è il rapporto umano con il personale che cura attentamente i rapporti con la clientela mantenendo un costante collegamento con il committente per qualsiasi genere di informazione. Inoltre, la figura professionale dedicata a questo settore rappresenta il team che lavora per il progetto ristrutturazione casa riassumendo gli sforzi di numerose persone che collaborano per creare una soluzione piacevole, valida e personalizzata secondo i gusti e le richieste.

La valutazione del budget

Sebbene la primavera riempia il corpo di energia e di voglia di fare, non ci si può non domandare quanto costa ristrutturare casa. Considerando il settore, gli interventi edilizi non sono una categoria di operazioni economiche poiché i materiali hanno un costo elevato e la manodopera spesso rappresenta la maggior quota della spesa complessiva. Quando si pianifica la ristrutturazione il-periodo-migliore-per-ristrutturare-3bisogna, ovviamente, tenere in considerazione il prezzo, quantomeno in linea generale, delle operazioni che vanno eseguite sull’immobile. Per certe attività sono previsti costi molto contenuti, si pensi all’imbiancatura che può essere fatta senza ricorrere ad operai specializzati, per altre invece la spesa è elevata come nel caso della sostituzione del tetto. Nel calcolo del budget bisogna quindi non tralasciare nulla magari facendosi aiutare dall’impresa edile che fornisce per i propri clienti un preventivo gratuito in breve tempo. Avere un’idea chiara sull’investimento da fare è il primo corretto passo per ristrutturare nel modo giusto la propria casa.

I problemi da affrontare durante la ristrutturazione

Può accadere che durante la ristrutturazione emergano dei problemi dal progetto o dalla realizzazione pratica degli interventi. Non è necessario disperarsi né abbandonare gli interventi poiché si può sempre avere un servizio di consulenza dallo staff dell’azienda in modo da trovare una soluzione per qualsiasi errore o modifica. Inoltre, non bisogna sottovalutare la possibilità che la spesa effettiva sia maggiore dei costi calcolati, condizione che si presenta nella gran parte degli interventi di questo genere. Per quanto riguarda il clima, anche la bella stagione può prevedere delle giornate piovose che limitano la fruizione del giardino, in questi casi è meglio dedicarsi ai lavori alternativi per la riqualificazione degli interni.

Incentivi e detrazioni fiscali

Le miti giornate primaverili e le temperature gradevoli non sono l’unico motivo per rinfrescare i locali del proprio immobile. Un’ulteriore ragione per ristrutturare casa sono gli incentivi 2017 offerti dallo Stato per effettuare gli interventi edilizi di rinnovamento e di manutenzione. Essi costituiscono un premio che facilita la riqualificazione dell’abitazione o del locale commerciale potendo usufruire di una detrazione. Fino al 31 dicembre 2017 è possibile richiedere l’agevolazione del 50% sulla ristrutturazione e sul Bonus mobili, due normative che sono molto apprezzate dai proprietari che vedono rimborsata la metà della cifra spesa per ristrutturare. Dal 1° giugno dell’anno in corso fino al 31 dicembre 2021 è, inoltre, possibile dotare gli edifici durante la ristrutturazione di sistemi antisismici ottenendo il rimborso del 65% del prezzo speso. Quindi, in particolare la primavera di quest’anno è il momento giusto per tutti coloro che vogliono ristrutturare la propria casa beneficiando degli sgravi fiscali.

Un buon metodo per smaltire lo stress

Ristrutturare la propria abitazione è spesso motivo di stress causato dai lavori incessanti e dall’impossibilità di usufruire di tutta la casa. Con l’aiuto dello staff dell’azienda molte preoccupazioni svaniranno grazie al personale che eseguirà le procedure al posto del proprietario. Per questo ristrutturare può essere anche una fonte di rilassamento dal momento che ci si può dedicare a piccoli lavori poco impegnativi come la pittura delle pareti, la stuccatura o la posa delle piastrelle come decorazione.

Il periodo migliore per ristrutturare ultima modifica: 2017-05-19T11:26:58+00:00 da Ristrutturazione