Pareti divisorie per la casa, come sceglierle e sfruttarle al meglio

Pareti divisorie per la casa, come sceglierle e sfruttarle al meglio

Il tuo open space ti ha stancato? Oppure hai scoperto che avere un angolo cucina nella zona giorno può risultare poco agevole, anche solo semplicemente per gli odori che si creano nel cuocere i cibi?

Potrebbe essere il momento di pensare di ristrutturare casa, e magari rivedere soprattutto l’organizzazione dei tuoi spazi per renderla migliore per te e i tuoi cari.

Se hai bisogno di ricavare dei vani e strutturarli in modo diverso, in questo articolo abbiamo pensato proprio a te e a come aiutarti a scegliere le pareti divisorie perfette per la tua casa.

Le pareti divisorie: cosa sono

Innanzitutto, che cos’è una parete divisoria interna? E come viene usata? La definizione è intuitiva, si tratta spesso di lastre in cartongesso o pannelli prefabbricati in vari materiali, per esempio legno o vetro, che servono appunto a dividere i diversi ambienti quando non è possibile o non si vuole realizzare una tradizionale parete in muratura.

La scelta di materiali, aspetto, dimensioni e forme delle pareti divisorie interne non è solo una questione estetica ma anche costruttiva: tutti questi pannelli infatti devono essere sostenuti da un sistema adeguato, per pareti fisse o mobili. Tutto questo va fatto in base allo spazio da ridisegnare e alle esigenze specifiche, come potranno ben spiegarvi nel dettaglio i nostri esperti di Ristrutturazione Case, che si potranno occupare della burocrazia e degli aspetti pratici dell’inserimento delle pareti divisorie, oltre a valutarne i costi effettivi.

La burocrazia: cosa fare e a cosa guardare

Il Glossario dell’edilizia libera dello scorso aprile, come spiegato qui, ha facilitato molti proprietari nell’approcciarsi a una ristrutturazione, perché sono stati eliminati molti processi burocratici.

Di fatto, però, l’inserimento di una o più pareti divisorie interne può modificare il numero di vani, la struttura e altre caratteristiche di una casa, per esempio il rapporto aeroilluminante, ovvero il rapporto tra la superficie di pavimento e quella delle aperture per la luce, come le finestre: tutti questi elementi vanno considerati perché qualunque modifica potrebbe richiedere dei permessi e creare dei problemi in futuro, come quelli legati alle differenze con quanto depositato in catasto.

Sbizzarrisciti con le pareti divisorie giuste per te

Per ogni tipo di pareti divisorie occorre utilizzare il sistema di inserimento adeguato, perché sia solido e resistente, in grado di regalarti le giuste funzionalità, per esempio se i pannelli devono muoversi perché fungono anche da porta.

Una volta montata, infine, finalmente potrai dedicarti a personalizzare la parete divisoria con lo stile giusto: colori, complementi, suppellettili possono aiutarti a renderla ideale per la tua casa. Qualche idea interessante puoi trovarla anche online, per esempio in questo album su Pinterest.

Pensi che il tuo appartamento debba essere ristrutturato e stai valutando la possibilità di usare delle pareti divisorie per la tua casa? Contattaci per parlare con i nostri esperti e fare le scelte migliori!

Pareti divisorie per la casa, come sceglierle e sfruttarle al meglio ultima modifica: 2018-07-13T12:07:36+00:00 da Ristrutturazione